3 dicembre 2013

Il Nao di Brown

Glyn Dillon dedica a Lucca

Il Nao di Brown, è una storia che parla di disagio interiore e della conseguente ricerca di un equilibrio che sia il più vicino possibile a quella cosa chiamata felicità.

L'autore, il britannico Glyn Dillon è stato recentemente in Italia per due appuntamenti, ospite dell'editore Bao Publishing. Prima al Treviso Comic Book Festival (quando ho letto il suo libro la prima volta) e poi a all'appena trascorsa edizione di Lucca Comics and Games (quando ho riletto il suo libro per la terza volta - si, lo so, ma ne valeva la pena - che dentro c'è veramente "tanta roba").


Glyn Dillon, Il Nao di Brown, dettaglio

Nel frattempo, a fine novembre 2013, ha vinto anche il premio "Best Book" ai British Comic Awards. Io gli ho chiesto di incontrarci per per scambiare due chiacchiere su questo lavoro proprio a Lucca, tra una dedica e l'altra abbiamo trovato qualche minuto per un'intervista, che trovate in italiano QUI (sul blog del @rrobe) e in lingua inglese QUI (nella nuova sezione di questo blog, dedicata alle interviste ai fumettisti, in english of course).


The Nao of Brown

The Nao of Brown, is a story that talks about inner discomfort and a consequent search for a balance, something as close as possible to that thing called "happiness". The british author, Glyn Dillon has recently been in Italy, with his italian publisher Bao, for two appointments. Earlier at Treviso Comic Book Festival (when I read his book the first time) and then to the newly passed edition of Lucca Comics and Games (when I re-read his book for the third time - yes, I know, but I think there's so much "stuff" in this work that I wanted to to go deep to the heart of the book). I asked him to meet us to have a small talk about this graphic novel just in Lucca, so we found few minutes for this interview.

We spoke about:

#The title#The cover#The washing machine theme#Gregory#Nao #Meditation #Hafu#London#Comics is dangerous work#Technique (in drawings)


Glyn Dillon signing at Lucca Comics and Games 2013



#The title 

Me: Well, let's start talking about the title "The Nao of Brown". At the beginning of the story there's the meeting between Steve and Nao and Steve says something like: "Excuse me, is that the Nao of Brown?" He said "The Nao". Please tell to your italian readers...it's a joke, isn't it? :) 

GD: Well I have a friend, Chloe and her last name is Brown, and we call her "The Chloe of Brown". It's just a silly joke we do with my friends, like ‘The Duke of York’, as if “Brown” was a place. The name Nao came from a friend of mine introducing me to his Japanese girlfriend called Nao. I thought it was such a great name for a character because it’s pronounced the same as ‘now’.

#The cover 

Me: Now I'd like to stay a while observing the cover. I know that when you started this project the cover was totally different. The subject on the first version I’ve seen on your website was "Abraxas" (which is kind of an allegory for Nao, in a story within the book). Could you tell me something about this transition from the first one to the finished one? 

GD: I started with that one because I felt In a lot of ways it summed up many things, because it was black and white, black and white thinking is a problem that comes with OCD. There's the polarity theme, and the fact it was light and dark, and with a spot light on "Abraxas". I felt it summed up a lots of things.


The Nao of Brown, first cover 



But I did it a long long time ago, and when my publisher was at a book fair, talking to a French publisher, they said "We’d love to do the book but we don't' think the cover will work…" And because I’d done it a long time ago I was able to see, maybe they were right. It did sum up certain elements but it didn't really capture, what would be the majority of the book, it as well as it could do. So I decided to do another cover. But I had to do it very quickly because we were up against the deadline. So in two days I came up with that cover:

The Nao of Brown, definitive cover



Me: Well, you're a genius! It collected perfectly all the key elements of the story. 
GD: Ha ha!!, I'm not a genius! Sometimes things happen and come out like that, things fall into the right place. I was lucky.

#The washing machine theme 

Me: I think the girl with the washing machine head is one of the best icon I've ever seen on a graphic novel cover. Is it true that your son was afraid of this home appliance? 

GD: Yes, he was scared of it. But not when it was on and going round, but when the door was open and there was just a dark hole. A really dark hole… he definitely didn't like it.

Me: So you took inspiration from your home life.
GD: Oh, yes, a lot. I worked at home, upstairs.

A page from The Nao of Brown 


#Gregory 

Me: Gregory can fix washing machines but can't fix problems in Nao's mind. But, in a different way their relationship, works as help for each other. First of all, I want to ask you why did you chose this kind of big black bearded man man? :D Maybe the correct question is: Is it born before the Ichi character or the Gregory character? 

GD: Originally Gregory was going to be the main character it was going to be a very very different book. And he was gonna be obsessed with Ichi and Nao... she was gonna be his love interest. But then she became more interesting… she kind of stepped forward into the spotlight. I’d already given him, a lot of thought, so he was a quite a well rounded character to start with. But everything just shifted when I decided to give Nao OCD, she became more important, it was obvious everything must be about her.

Me: Gregory is not the typical English man I imagined.... 

GD: Oh, I don't know!

Me: I mean, the "british man" I could imagine in a stereotypical view...

GD: Well, I don't know what that is from your perspective…. because I'm an English man!

But I can say that I didn't want him to be typically handsome. I liked the idea that he would be big, with his chunky fingers and big hands but at the same time poetic, and being able to recite poetry and have a poetic heart...soft on the inside but from the outside he looks like a rugby player.

Detail, The Nao Of Brown 


#Let's talk about Nao.

Me: She's so pretty, she's cute. I love all the shade of emotions that appear on her face. She's so "real". Is it true that you were inspired by a "rock'n'roll muse" the "Bikini kill’s" singer Kathleen Hanna? 

GD: Yes, I like Kathleen Hanna, you saw the photo on my website?! When I was starting out, I was listening to music that I thought Nao would like, so...I wasn’t a huge fan of “Bikini Kill” when I was younger but I thought that Nao would be. So I started to listen to all that stuff and got into it, then her other band “Le Tigre”, who’re great, so I listened to a lot of music that I didn't know before, in effort to create Nao. Because I didn't want her to be just a version of me and my tastes. So yes, in that way I think Kathleen Hanna was a big inspiration for me.


Kathleen Hanna's  Bikini Kills


#The illumination point: Meditation 

Me: When Nao goes to the buddist centre, it seems she is looking for a practice, in addition to her "homework". Is this true? You explain in your website that you started meditation as a healthy daily habit. Can you tell us something about it? 

GD: When I was learning meditation, It was the same time that I was learning about my wife's OCD, and one of the my fellow students was describing how, when she tried to meditate, the thoughts would just keep coming and coming and coming and she felt frustrated because she thought the point of meditation that was to try and "stop thinking". So, the thing is, if you try to do something like that in meditation it's impossible. It's kind of like if you waggle a stick in a bucket of water and then stop… eventually the water settles on it’s own. It's not trying to settle… It settles naturally, without effort. That's what meditation is like. So it just reminded me, I saw parallels between that woman’s frustration and the frustration of someone who has OCD, when the thoughts keeps coming and coming and coming. So I felt the two they could go together. And after that I learned that lots of people that have OCD find meditation actually helps. So I researched into that and started to created the character.

#Hafu 

Me: We can say that the Hafu characteristic of "Nao" is a methaphor of your two artistic inspiration, both from european and japanese comics?

GD: Yes, that’s true. I like that because I'm a big fan of european comics (bande dessiné and fumetti) and I became more of fan of manga while I was writing the book. I’d been a fan of Katsuhiro Otomo for a long time but I was getting into new manga and was definitelly influenced by them.

Me: I want to say that I've heard you mention as sources of inspiration also Moebius and the Star Wars! 

GD: Yeah, absolutely!
   
Detail, The Nao of Brown

#London 

Me: In which areas of London is the story is set? Why did those places? 

GD: Nao’s flat is my flat, where I live now. I wanted it to feel very real, so I drew all the local areas I love. The Buddhist centre is the buddhist centre I used to go to, and all the pubs are real, there's one in Soho... I think I managed to include all the flats I’ve ever lived in, in London. So when Steve is trying to put the key in his door, when he is desperate to go to the toilet, that is a flat I used to live in, in Kings Cross. And then when we see him running, in the background there's another flat, you can see my old bedroom window. So your fan can came to London and do the Nao Trip! Yes, the “Nao Tour”. Mostly in the north and north-west of London… and Soho. Well, in the future I will do it!

#Doing comics is dangerous work 

Me: I read in an interview from Paul Gravett that The Nao of Brown required an effort so intense that you ended up in hospital two weeks after the completion of the book. Is this true? 

GD: The last year doing the book I had to do it seven days a week, starting at 9:00 in the morning and finishing at 03:00 in the morning. So, really long days, and seven days a week. I’ve always had a bad back anyway, but when I was finished – also during the middle I’d had problems with tendinititis, for about two weeks I couldn't even hold a pen, so it was really annoying but I had to go on and finish… so when I was finished my back suddenly went and I was in agony and I went to hospital and stayed in for five or six days.

Me: Comics artist is a dangeros job! 

GD: Yes, dangerous work, and no-one knows!


Glyn Dillon signing after the interview


#Technique

Me: Let's finish this talking about tecnical skills. It's the first time that you write and draw a book by your own. What about your technique? 

GD: I didn't want to use ink because a long time ago, when I did comics, I didn't enjoy inking, I always enjoyed the pencilling and I felt the line had more life to it… and with inking it, I wasn't able to mantain the energy of the line. But at the time we didn't use computers… Now with my home scanner and the computer, I can just adjust the darkness of the line in photoshop and it was fantastic for me because it allowed me to keep my pencil line as the main line, but also because I spent fifteen years storyboarding film and television and I did that always in pencil, so now I had a clean line with the pencil. So, I was so much more comfortable with that method and I knew that, for the task of doing two hundred pages, I wanna to be really comfortable.

P.s. Meanwhile, he has won the Best Book prize at this year’s British Comic Awards at Thought Bubble Festival in Leeds (november, 2013).

27 novembre 2013

Diaframma, preso nel vortice

Una volta Federico Fiumani mi ha chiesto:
«Qual'è secondo te il gruppo che fa i migliori concerti live, in Italia?»

Io ho risposto a bruciapelo:
«I Massimo Volume».

Ops!



26 novembre 2013

Negli studi dei fumettisti

- «Dove nascono i fumetti?» 
- «Nella mente degli autori.» 
- «Accidenti, è un posto troppo riservato. Si ma dove li realizzano?»
- «Nei loro studi.» 
- «Ecco, già va meglio. Allora chiedo il permesso di andarci e poi vi ci porto tutti!»

Ci sono dei luoghi in cui non capita spesso di essere ammessi, a meno di non essere un addetto ai lavori. Per questo ho apprezzato fin da subito l'idea della rubrica #tavoli da disegno, nata su Fumettologica. Fino ad oggi trovate pubblicati sul sito questi servizi che ho realizzato:



25 novembre 2013

25 novembre, storie a fumetti.

Non amo le giornate convenzionali per ricordare alla gente questo o quell'altro problema che affligge il mondo, e neppure le iniziative ad hoc, testimonial famosi eccetera... però stamattina, che è il 25 novembre, giornata mondiale (Onu) contro la violenza sulle donne un amico mi ha buttato lì la domanda: "Ma 10 graphic novel che parlano di violenza contro le donne?"

Dico subito che a 10 non sono arrivata, ma a 5 si. E sono cinque storie pubblicate in Italia che trattano il tema da diversi punti di vista, in contesti differenti. Storie che vale la pena di leggere sempre, non solo oggi, quindi le ho raccolte e voglio ricordarle: 

Io so' Carmela, Alessia Di Giovanni, Monica Barengo - ed. Beccogiallo

Io so' Carmela, di Alessia Di Giovanni e Monica Barengo, ed. Beccogiallo, racconta la storia vera di Carmela Cirella. Dopo uno stupro di gruppo subito a 13 anni, si è ritrovata in un istituto abbandonata dalle istituzioni, i colpevoli liberi, e si è suicidata.


6 novembre 2013

5 novembre 2013

Terry Moore: mostra Lucca CG 2013


Attenzione spoiler! Parlano delle tavole esposte.

Devo averlo già scritto da qualche parte che mi piacciono i fumetti di Terry Moore

Katchoo ama Francine ma Francine ama Freddie e David ama Katchoo
Una matassa difficile da sbrogliare. 

30 ottobre 2013

Sono Mario?

Sono Mario? La cover

Ve lo dico subito che a Lucca Comics 2013 esce "Sono Mario?" il quarto volume degli Scarabocchi di maicol&mirco, è anche il primo che porta la benedizione dei Fratelli del Cielo (furono Superamici) quindi io lo comprerei solo per educazione (QUI c'è scritto in quali stand lo trovate) che sono 64 pagine di puro fumetto filosofico a 5 euro - una cosa mai vista in Italia - ma in realtà lo comprerò per regalarlo principalmente al fidanzato della mia amica-sorella che si chiama proprio Mario.

Ma non è un libro solo per Mario (o Maria, che ci stiamo pure noi Fratelle del Cielo).


29 ottobre 2013

Parlando di Terry Moore



Terry Moore (Eisner Award nel 1996 per Strangers in Paradise e Harvey Award nel 2009 per Echo) torna in Italia ospite a Lucca Comics and Games ( dal 31 ottobre al  3 novembre 2013). 

Incontrarlo è un gran bel modo, per tutti i fan italiani (me compresa!), di festeggiare il ventennale di quel gioiello di Strangers in Paradise con la bella e nuova edizione rivista e completa (vedete nella foto il volume 1 di 6), in un anno che ha visto la pubblicazione anche dell'omnibus di Echo e l'esordio della nuova serie Rachel Rising (tutti ed. Bao Publishing). 

Ho avuto occasione di fare una lunga chiacchierata con Terry Moore a proposito di tutto questo, che trovate in due bei paginoni nel numero 219 della rivista Fumo di China in edicola, in fumetteria e ovviamente anche direttamente a Lucca. Questa è la copertina: 


Fumo di China 219


Abbiamo parlato di cinema e di orrore, di non-morti, di donne, di televisione, di complotti, della scatola segreta di Julie (se siete appassionati di Echo sapete di cosa sto parlando), dei festeggiamenti per l'anniversario di SIP e dei suoi progetti per il futuro. (Evviva!)


25 ottobre 2013

Fumettologica

Il logo di fumettologica

Questa settimana, precisamente il 22 ottobre 2013, è nato Fumettologica. "Il nuovo posto dei fumetti su internet" (come l'ha definito una volta quel bravone di Ratigher) ovvero il nuovo magazine online di informazione sul fumetto.

Vi ho già detto che è diretto da Matteo Stefanelli, con in redazione Andrea Queirolo e Niccolò de Mojana (qualche info in più la trovate sul sito alla voce "Chi siamo") e questo è stato l'editoriale d'apertura: Buongiorno, fumetto.

Ho già detto anche che nella vasta schiera di collaboratori a questo bel progettone (tutto da leggere) ci sono anch'io, e ne approfitto subito per fare un riassunto degli appuntamenti che mi hanno coinvolto questa prima settimana:

#Tavoli da disegno
È partita la rubrica del Conte Zarganenko (già mio compagno di viaggio in Conversazioni sul fumetto) dal titolo "Tavoli da disegno", che mi vede collaborare girando in veste di fotografa negli studi di alcuni dei più bravi fumettisti italiani. Che emozione! Si parte subito al #top con il grandissimo Paolo Bacilieri!


#Agenda
È partita questo giovedì, e sarà un appuntamento fisso per le prossime settimane, la mia rubrica "Agenda"di Fumettologica. Dove sono i fumetti, lì vi porto, segnalandovi gli eventi più interessanti e gli appuntamenti a cui non potete mancare. Vi aspetto! Per vedere dove si va questa settimana, cliccate qua: Gli eventi e le mostre della settimana [24-10-13]



22 ottobre 2013

L'ultima conversazione


il banner del blog "Conversazioni sul fumetto"


«Il re è morto. Lunga vita al re»


È apparso oggi sul blog Conversazioni sul fumetto, a firma del fondatore Andrea Queirolo, un post importante, che segna la fine delle trasmissioni.

Come spiega Andrea, negli ultimi tre anni, dal suo progetto personale è evoluto un bel blog collettivo, a cui sono stata felice di aver preso parte, con degli ottimi compagni di viaggio.
Tutto da quando, l'11 marzo del 2011 ho firmato il mio primo post, questo qui: Riflessioni su Le Ragazze Nello Studio Di Munari dedicato all'allora appena uscito libro a fumetti di Alessandro Baronciani.
In questi due anni e qualcosa ho scritto 34 post, soprattutto reportinterviste, a cui sono molto affezionata, con autori e autrici fantastici/che, tanto che citarne solo qualcuno sarebbe fargli torto.
Se vi va, potete sempre leggerne qualcuna nell'archivio qui:

http://conversazionisulfumetto.wordpress.com/author/danielaodrimazza/


Perché, continuo a citare: "Conversazioni sul Fumetto rimarrà aperto, ma immobile. Granitico a dichiarare: questo è quello che abbiamo fatto: qualcosa che prima non c’era".

Ma questo non è mica un post della lacrimuccia.

Fine delle Conversazioni si passa alla Fumettologica: si, perché se da una parte si chiude un progetto, si apre dall'altra una nuova stagione.

Nasce infatti Fumettologica, il nuovo magazine online di informazione sul fumetto. Diretto da Matteo Stefanelli, con in redazione Andrea Queirolo e Niccolò de Mojana e con una vasta schiera di collaboratori, tra i quali ci sono anch'io.

Si parte per una nuova avventura.



15 ottobre 2013

Meet a media guru



Il 9 ottobre ho partecipato all'incontro con il famoso sociologo della "modernità liquida" Zygmut Bauman a Meet the Media Guru, al teatro Dal Verme di Milano.

Qualche mio appunto sulla serata lo trovate su Bloggokin.it.
Potete anche leggere lo Storify della serata QUI.



13 ottobre 2013

La moda

Una passeggiata in centro di domenica pomeriggio, col cielo uggioso e i negozi strapieni di esseri umani impossessati dal demone dello shopping ha chiarito perfettamente nella mia testa il capo che più desidero in questo (precoce) autunno/inverno 2013/2013.

Non si tratta del cappotto Bershka in pelliccia ecologica (69,99 €) che pure ha attirato per primo la mia attenzione (avviso che il bianco su bianco della foto non rende, eppure solo questo offre il sito della casa):

Foto Bershka


E nemmeno del decisamente meno economico (ma altrettanto più appariscente) giubbotto in pelliccia di capra tibetana di Replay (€ 2500,00) che pure ha appagato per quei dieci minuti buoni le mie pupille (offuscando completamente il ricordo del precedente):


Foto Replay


Ma dell'originale, chissà dove incartapecorito cappotto di pelliccia di scimmia indossato dalla grandissima Louise Bourgeois nel 1982, quando fu immortalata in questo scatto ormai "cult" da quel figone geniale di Robert Mapplethorpe:


Foto Robert Mapplethorpe, 1982

Eh, purtroppo con gli anni si diventa sempre più esigenti.


P.s. Parentesi animalista:
Non vorrei mai e poi mai che qualche altra scimmia al mondo venga immolata per far da paltò a qualche altra scimmia senza peli, ma tant'è che se ormai l'oggetto esiste, è bene sia onorato di generazione in generazione (umana) il supremo sacrificio (e tra l'altro questa pelliccia era già un pezzo d'epoca - o vintage come si dice - nel 1982).



23 settembre 2013

Magic Moore in Smokyland

Magic, runnings in the gutters like lightening, illustrazione, Dodgem Logic, Alan Moore

Devo ringraziare il buon Smoky Man per il suo post di oggi nel suo salotto buono, in cui mi cita parlando di  The best of Dodgem Logic, che raccoglie tutto il meglio della rivista Dodgem Logic, diretta da Alan Moore (2009/2011), prossimamente in uscita per 001 Edizioni.


Nel volume sarà presente l'articolo dal titolo originale Magic, running in the gutters like lightening, a cui ho collaborato per la traduzione.



17 settembre 2013

Workshop time!

Avviso: Alla fine di questo post trovi il nostro video finito + il video del backstage firmato Moleskine. Scegli se vederli ora qui e qui o dopo aver letto il post!



Ho partecipato ad un workshop di animazione dal titolo "Paper in motion", realizzato durante i giorni del Milano Film Festival (5-15 settembre 2013).



L'obiettivo era (mentre si imparava qualcosa e si faceva amicizia) realizzare in soli tre giorni un mini-corto animato, da proiettare sul grande schermo alla fine del festival. Dalla carta, anzi dalle Moleskine, al grande schermo. Beh, ce l'abbiamo fatta.

Noi, dieci tra illustratori e animatori, ce la siamo cavata con il compito di portare a casa tre secondi di animazione ciascuno, spaziando tra paper cut in stop motion, animazione tradizionale e animazione al computer (con flash e after effect).

Lei, la nostra insegnante/coordinatrice Jessica Ashman ci ha guidati nella nascita e accompagnati nella realizzazione del tutto, realizzando poi il montaggio finale, con la collaborazione di Louis Hudson nella revisione finale del mini-corto. Impeccabile anche l'organizzazione del Milano Film Festival.



2 settembre 2013

Mi piacciono le canzoni tristi

Ieri ero tra il pubblico del Nuovissimo Canzoniere al Magnolia (MI), una maratona di 30 cantautori, 3 canzoni per uno per 5 ore di musica, gratis. Una festa insomma. Nata da un'idea di Marco Iacampo e portata avanti da Dente e dagli altri 29 artisti che si sono alternati sul palco, voce e chitarra.

Ad un certo punto inizia a piovere. Disdetta.
Eppure...

C'è il tepore di fine estate
C'é l'atmosfera malinconica che mi piace tanto
Ci sono note giuste
C'è l'entusiasmo sul palco
C'è la piacevolezza di stare ad ascoltare

Io guardo Marianna e le dico:
"Ma lo sai che a me piacciono veramente le canzoni coi finali tristi?"*



Ci vuole una playlist dedicata su radiodri (se vuoi saperne di più clicca QUI), dal titolo:

Mi piacciono le canzoni tristi

9 canzoni scelte tra quelle degli artisti presenti.
Per chi non c'era, un bel ripassino.




- Niente più,  Colapesce
- Estate, Alessandro Grazian
Io?Marco Notari
- Amore Sociale, Di Martino
- Fra milioni di stelle, Brunori
- Io siDente
Saliva, Maria Antonietta 
- AngolinoRoberta Carrieri
- Che bella carovana, Marco Iacampo


da ascoltare qui cliccando brano per brano sul tubo
o tutta intera su Spotify:


nota: *Dente - A me piace lei




30 agosto 2013

La scimmia



Notavo -  alla fine di questa mia estate di abbuffate cinematografiche - come negli anni sia decisamente migliorato (almeno su pellicola) il rapporto tra King Kong (lo scimmione più famoso del mondo) e la sua partner femminile (Ann Darrow o Dwan).

Sarà forse che con il tempo l'avventura è diventata anche una cosa che riguarda le femmine e non solo i maschioni?

Ci vorrebbe una coppia color pastello, di questi tempi.


24 agosto 2013

Quoto rosa


Estate.
Una stagione semplice.
Proviamo a realizzare desideri semplici.

Qualcosa di morbido, rilassante, dolce, sensuale, impegnativo, positivo, e storicamente connotato nel genere (il mio).

Quoto rosa (anche sulla chioma).


5 agosto 2013

La playlist



disegnino per gli amici di Moby Dick, Radio2


Venerdì scorso ho partecipato ad un divertente giochino di Moby Dick, la trasmissione condotta da Silvia Boschero su Radio 2: cinque canzoni per una maglietta.

Visto che sono sia una playlist-addicted che una t-shirt-addicted non potevo proprio farne a meno. Il clima torrido di questi giorni mi ha suggerito di riadattare per l'occasione una delle mie playlist preferite di Radiodri"Acquatica"

Dentro ci trovate: Morgan, 24 grana, Diaframma, Fabrizio De André e Giorgio Canali.
E poi, ho lanciato a tutti un paio di consigli sui fumetti più fighi da leggere di questi tempi!


Immagine Podcast Radio2: 
http://www.radio2.rai.it/dl/portaleRadio
/media/ContentItem-db612f7d-
998b-4478-8fde-a57bf3
aba5db.html





29 luglio 2013

Backstage: la rocker della settimana su Rolling Stone Magazine

Questo è un post a DUE voci. La mia (Odri) e quella di Paola. Per raccontarci che cosa ci stavo a fare sulla home page del sito del Rollig Stone Magazine in una calda settimana di giugno...




Odri: Perché diamine ti sei messa a fare la “rocker della settimana”? 
Ok, io avrei preferito "rockeuse", ma fa lo stesso. Non so comunque strimpellare mezza nota né mi azzardo a trapanare i timpani a qualcuno cantando. Ma di musica ne ascolto, quanta. Sempre. Rock'n'roll ti sei preso la mia anima. Dunque, un pomeriggio d'aprile ero a passeggio nel parco mi sentivo molto new wave con il mio cappottino scuro e l'aria di chi se ne sta andando via per un po' di tempo e non sa bene come andrà a finire

Ho scattato varie foto in giro e poi un autoscatto (è la foto in alto nella colonna a dx). La sera torno a casa e facendo zapping sul web tra i vari socialnetwork (io non ho la tv) leggo questo annuncio sul sito del Rolling Stone Magazine:

«La rocker della settimana Vuoi essere una rocker di "RS"? Inviateci le vostre foto a questo indirizzo! Unico requisito richiesto: dimostrare di avere un'attitudine rock'n'roll».

Santo cielo se sono rock'n'roll. Invio la foto. Senza pensarci su. A questo punto me ne dimentico per circa una settimana, fino a che non mi arriva un' e-mail che mi spiega che avevo proprio l'attitudine giusta, ma per caso non mi si poteva vedere un pochino di più in foto? Sorrido fra me e me, chiudo il messaggio passo a scorrere il resto della posta elettronica. Penso: «Che carini. No, ma figuriamoci. Per favore. Stavo scherzando.» 

Ma mi si accende in testa una lampadina che non riesco a spegnere... 


23 luglio 2013

Guido Crepax. Ritratto di un artista.

Oggi su Conversazioni sul fumetto il mio post dedicato alla grande mostra che celebra Guido Crepax artista.

Guido Crepax, Valentina dentro i "mestieri" del Diderot
(Enciclopedia o Dizionario ragionato delle Scienze, delle Arti e dei Mestieri)

Era prevedibile che fosse un evento molto interessante, visto l'artista e la location (il Palazzo Reale di Milano) coinvolti, ma si sa che a volte gli eventi celebrativi (la mostra cade nell'anniversario degli 80 anni dalla nascita e dai 10 anni dalla scomparsa di Crepax) rischiano di scadere in un conservatorismo museale e antiquato.

E invece quest'allestimento dimostra una grandissima vitalità insieme all'accuratezza e naturalmente alla bellezza delle tavole originali e delle altre opere esposte, a cura dell'Archivio Crepax, che trovano una loro valorizzazione all'interno di uno spazio così prestigioso. È quello che ho cercato di riassumere come una presenza d'amore.

Cosa mi ha incuriosito di più?
Qualcosa di inedito, che non sapevo neanche io che sono una vera appassionata. Un lato "nerd", se così posso dire, di questo grande uomo che si dedicava nel tempo libero a creare degli incredibili giochi da tavolo per lui e la sua famiglia ( il preferito di lui e sua moglie quello sull'Orlando Furioso).


Ecco l'intro:

Perché andare a vedere la mostra “Guido Crepax. Ritratto di un artista”? 
Per rispondere alla domanda nel titolo di questo post potrei riassumere brevemente la questione in tre punti: 
- È la prima personale che approfondisce a 360° l’opera del creatore di quell’icona di Valentina, con circa un centinaio di tavole originali di fumetti oltre che illustrazioni di libri, riviste, copertine di dischi e oggetti, come i giochi da tavolo creati in ambito familiare; 
- La mostra si colloca negli ambienti splendidi dell’Appartamento di Riserva al Palazzo Reale di Milano, storici, sontuosi, prestigiosi; 
- È gratis. Sono tre validi motivi. Ma così facendo mi ridurrei banalmente a considerare tre argomenti razionali con una buona dose di pragmatismo. E io fondamentalmente sono una persona romantica. 
Quindi vi dico che il vero motivo per cui visitare questa mostra è l’amore.



Il resto lo leggete QUI.


6 luglio 2013

Top 10 fumetti e illustrazioni su Ninja Marketing

Inaugura questa settimana su Ninja Marketing, sezione Design, la mia nuova rubrica "Top 10 fumetti e illustrazioni: i migliori creativi della settimana".

I migliori "stimoli visivi" ed emozionali tra i fumetti e le illustrazioni di tutto il mondo, per   segnalarvi le cose più interessanti che pesco dalla rete (e perché no, in libreria, fumetteria o sui muri delle nostre città) per rinfrescarvi le idee col caldo che avanza!

Se siete dei fumettisti/illustratori e volete segnalarmi i vostri lavori, commentate il post!
Buona visione!



[qui l'archivio aggiornato delle puntate]

- #1 "Top 10 fumetti e illustrazioni: i migliori creativi della settimana"

- #2 "Top 10 fumetti e illustrazioni: i migliori creativi della settimana"

- #3 "Top 10 fumetti e illustrazioni: i migliori creativi della settimana"

- #4 "Top 10 fumetti e illustrazioni: i migliori creativi della settimana"

- #5 "Top 10 fumetti e illustrazioni: i migliori creativi della settimana"

- #6  SPECIALE ESTATE "Top 10 fumetti e illustrazioni: i migliori creativi della settimana"

5 luglio 2013

Crack! Fumetti Dirompenti - L'Orda

Questa settimana su Conversazioni sul fumetto il mio report dal Crack! Fumetti Dirompenti - L'Orda, 9° festival di arte disegnata e stampata di Roma che si è svolto dal 20 al 23 giugno 2013 nella Capitale.

Vale la pena leggerlo almeno per 3 ragioni:

- per vedere quanto sono ultra-belli gli spazi del Forte Prenestino;
- per vedere la quantità di autori e lavori presenti (Presenze internazionali. oltre alla gallery nel post, troverete anche i link alla gallery completa delle foto scattate durante l'evento nella nostra pagina Facebook e i link ai blog di quasi tutti artisti che erano presenti);
- per rendersi conto che si può, ed è bello: autogestito e autoprodotto.

poster by Inechi


Ecco come inizia il post:

"Il Forte Prenestino, nel quartiere di Centocelle, a Roma, è un luogo incredibilmente suggestivo, fatto di tunnel e camere, “celle” sotterranee, con le pareti in pietra viva e poi spazi aperti, un paio di edifici immersi nella vegetazione di un parco. La struttura risale alla seconda metà dell’Ottocento, compresa tra quelle 15 fortezze che furono erette a difesa della nuova Capitale del Regno d’Italia (e presto destinate al disuso). Dal 1986 è un Centro Sociale Occupato Autogestito, “il più grande e il più antico d’Europa”, così almeno recita il comunicato stampa dell’ultima edizione del Crack! Fumetti dirompenti, che ha avuto per tema l’Orda".

P.S.
Promosciòn!
In quest'occasione è uscito lo spin-off de Gli Scarabocchi di maicol&mirco, Ivo il Barzellettiere!

odri e Ivo (il libro)


27 giugno 2013

Alessandro Baronciani Raccolta 1992/2012



Oggi su Conversazioni sul fumetto:
"Mi trovo a Milano d’estate. Coccolata dell’asfalto nero e dal caldo torrido non posso fare a meno di cercare qualcosa che possa rianimarmi. «Proviamo coi fumetti», mi dico. Il 13 giugno qui c’è la presentazione allo spazio b**k della Raccolta 1992/2012 di Alessandro Baronciani".


25 giugno 2013

Belgio il regno del fumetto


Questa mostra al museo Wow - Spazio fumetto di Milano è bellissima, presto ve la racconto su Conversazioni sul fumetto. Voi ricordatevi che si può visitare fino al 6 ottobre (con un periodo di chiusura ad agosto).


24 giugno 2013

Zerocalcare in mostra al WOW

 

Oggi da leggere su Conversazioni sul fumetto:

"A Milano, dal 16 giugno al 31 luglio 2013, nella sede del Museo WOW Spazio Fumetto la prima mostra dedicata a Zerocalcare, al secolo Michele Rech, dal titolo “La Coscienza di Zero”. Esposte un’ottantina di tavole tra originali e stampe tratte dai libri e dal blog dell’autore, compresa una piccola anteprima sul nuovo lavoro, “Dodici” già annunciato in uscita da Bao Publishing il prossimo ottobre. Siamo andati all’inaugurazione a seguire l’incontro di apertura".


20 giugno 2013

L'intervista, Manuele Fior


Avevo incontrato Manuele Fior durante l'edizione appena trascorsa del Napoli Comicon, in occasione dell'uscita del suo bellissimo nuovo graphic novel, "L'intervista". Una storia dalla trama sentimental-fantascientifica con dei disegni raffinatissimi (bianco e nero), binomio da urlo!

Un'occasione quindi l'offerta di Smoky Man di collaborare all'intervista che stava preparando per Manuele. Una lettura succosa, perché ci ha raccontato veramente molto su quest'ultimo lavoro, accompagnata poi da degli splendidi bozzetti in esclusiva.

Potete leggerla sul blog Smokyland.


19 giugno 2013

5 giugno 2013

Mi fai Mi ami Milano


fonte: qui


Oggi su Ninja Marketing vi ricordo che il 7, 8 e 9 giugno 2013 c'è un appuntamento di quelli belli con Zerocalcare, Sarah Mazzetti, Silvia Rocchi e tanti altri al il MI FAI – Matti Incontri & Fumetti Atti Importanti, a Milano (Idroscalo).


1 giugno 2013

Una notte lunga

fonte: l'internet


Quella di adesso, tra ciò che è stato e ciò che sarà.


29 maggio 2013

28 maggio 2013

Stazioni

Siete diventate una costante della mia vita.

Ferrovia, cara mia. Una cosa che non immaginavo nei pomeriggi passati in biblioteca a fantasticare su Jack Kerouac alle prese con scambi ferroviari e viaggi selvatici sui treni merci*.


cit. FBYC




27 maggio 2013

Guy Delisle, neanche una ragazza.

Guy Delisle, Cronache di Gerusalemme, tavola


Sto rileggendo in questi giorni "Cronache di Gerusalemme" di Guy Delisle, volume edito da Rizzoli Lizard, recentemente riapparso anche in edicola con l'iniziativa legata al Corriere della Sera a proposito di Graphic Journalism.

Quello che è imprescindibile notare è il candore con cui il personaggio Delisle attraversa i luoghi più travagliati di questo mondo, raccontando cronache, aneddoti e stralci di storia dei paesi che vive e abita in ogni viaggio ma anche lanciando al lettore qui e là (si, io adoro i dettagli, i particolari) delle perle squisitamente nerd, come questa nella foto:

"Che serata strana. Nemmeno una ragazza. Un vero festival del fumetto".

Oh, vediamo di lavorarci su sti luoghi comuni eh!
Grrrl!